Il Medio Oriente negli anni Venti. L’occidentalizzazione dell’ex Impero Ottomano

Capitolo7b_indice01_Vitamine.jpgDopo la I Guerra mondiale l’ex Impero Ottomano subisce enormi perdite territoriali e viene completamente smantellato. La Grecia occupa la città anatolica di Smirne (con popolazione mista greco-turca) e tutta la penisola balcanica meridionale, mentre Francia e Gran Bretagna si spartiscono il resto del Medio Oriente secondo le direttive concordate con l’accordo Sykes-Picot.
L’ex esercito ottomano insorge in nome del nazionalismo turco. A capo dell’insurrezione vi è Mustafà Kemal, ex combattente contro gli inglesi nel Mediterraneo, che proclama una repubblica indipendente. Tra il 1921 e il 1922 Kemal riesce a cacciare la flotta greca da Smirne causando un enorme esodo di profughi verso la penisola ellenica e a riconquistare la Tracia sudorientale (la parte europea dell’attuale Turchia), in modo da mantenere il controllo sugli stretti del Bosforo e dei Dardanelli, fondamentali per i traffici commerciali sul Mar Nero. Kemal ottiene un vasto seguito tra i giovani, gli intellettuali e la borghesia facendo leva sul nazionalismo turco, carta che gli inglesi avevano tentato di giocare in chiave antiottomana.
Le continue vittorie militari turche sulla Grecia vengono infine riconosciute dalla comunità internazionale. La Turchia viene accettata come repubblica autonoma e Mustafà Kemal ne ottiene il governo con poteri quasi assoluti. Da qui gli viene conferito il soprannome di Ataturk, padre dei Turchi.
Nei suoi primi anni di governo Mustafà Kemal Ataturk vara una serie di riforme modernizzatrici che occidentalizzano la struttura politica e culturale della Turchia, sottraendola alla legge islamica. Viene abolito il califfato e tutte le organizzazioni religiose sono poste sotto il controllo statale, è istituita la parità formale tra i sessi e il suffragio universale maschile e femminile, proibito per le donne l’uso del velo islamico nei locali pubblici (legge che sarà abolita soltanto dopo il 2000 dall’AKP di Erdogan), per gli uomini del fez e del turbante e per i militari dei baffoni “alla turca”.
Ufficialmente l’Islam resta la religione di Stato ma di fatto la Turchia ha perso le caratteristiche di uno Stato islamico: il giorno festivo diventa la domenica, come da tradizione cristiana, al posto del venerdì musulmano, viene inoltre adottato l’alfabeto latino al posto di quello arabo. Questo sistema è noto come kemalismo. Per attuare tutto ciò Ataturk istituisce un sistema molto autoritario in cui un solo partito è consentito, la pena di morte rimane in vigore e tutte le culture diverse da quella turca sono pesantemente represse, in particolare quella curda e quella armena, maggioritarie nella parte orientale del Paese.
Già durante la guerra, la popolazione armena aveva disertato e si era schierata con la Russia contro l’Impero Ottomano e le truppe armene avevano conquistato la città curda di Van con l’intenzione di affidarla alla Russia: ciò aveva comportato la vendetta kemalista con il trasferimento forzato in Siria di milioni di persone armene per allontanarle dal confine con la Russia causando, durante le deportazioni, la morte di oltre un milione di esse per fame e malattie. Il trattamento subito dall’Armenia durante la guerra passerà sotto il silenzio generale per decenni.

Schema.date_Vitamine_07B.01.jpg

Articolo di Andrea Zennaro

4sep3jNIAndrea Zennaro, laureato in Filosofia politica e appassionato di Storia, è attualmente fotografo e artista di strada. Scrive per passione e pubblica con frequenza su testate giornalistiche online legate al mondo femminista e anticapitalista.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...