Sorellanza metropolitana. Sex and the City

Ciò che di meglio c’è per la salute mentale maschile non lo è per quella femminile. A dirlo è il direttore di psichiatria della Stanford University secondo il quale per gli uomini il matrimonio è fondamentale per alleviare lo stress emotivo e migliorare la connessione mente-corpo, ma per le donne no. Per il genere femminile è meglio coltivare rapporti umani con altre donne, creare connessioni, scambiarsi esperienze di vita. Pare che ciò aiuti la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore che contrasta la depressione e può creare un benessere generale.
Una sorta di risposta scientifica a quello che in modo divertente, saporito e hot sostiene una delle serie televisive cult degli anni ’90: Sex and the City. A parte restituirci un’immagine spensierata, accattivante e spregiudicata della New York ante-11 settembre e aver creato in molte fans una dipendenza per le Manolo Blanik della protagonista, la serie, andata in onda tra il 1998 e il 2004, è stata il più entusiasmante, intelligente, coraggioso e perfetto prodotto televisivo studiato per un pubblico femminile evoluto, libero, inquieto, cosmopolita, single o con il rimpianto di non esserlo più e soprattutto un esempio di quella connessione 4G tra donne che io chiamo sorellanza femminile.
Le quattro protagoniste, Carry, Samantha, Charlotte e Miranda, si incontrano quotidianamente, si telefonano a qualsiasi ora del giorno e della notte per raccontarsi ogni segreto sentimentale, ogni impresa sessuale, ogni prestazione maschile con voti dall’ottimo al pessimo e lo fanno senza moralismo né familismi. Non vi è mai giudizio sulle condotte più o meno spregiudicate dell’una o dell’altra, anzi le battute piccate di Samantha, lo stupore a volte ingenuo di Charlotte, la sagacia di Miranda e le argute riflessioni di Carry fanno sentire parte di un mondo dove le delusioni sentimentali, le difficoltà di emergere in settori maschili e misogini, i problemi e le paranoie tipicamente femminili possono essere superate attraverso la condivisione e l’empatia.
Come Carry, Samantha, Charlotte e Miranda, le sorelle del cuore non giudicano, non indicano la strada da seguire, anche se sanno che probabilmente ti stai andando a schiantare e ti farai male, ma si siedono accanto a te, ti ascoltano e aspettano insieme a te che passi. Alla fine saranno loro che raccoglieranno con te i pezzi o meglio faranno come Samantha che si prepara per una indimenticabile notte cospargendosi di sushi, lui non arriva, il pesce puzza e lei lo scaraventa sulla vetrata della stupenda villa sul mare di lui, rivestendosi poi e andandosene definitivamente da lui per tornare dalle amiche a New York.
E chi lo dice che i pezzi vadano sempre ricomposti ordinatamente? Per le “ragazze” di Sex and the City basta condividerli e, se possibile, riderci sopra perché un’altra importante caratteristica della serie è quella della leggerezza e dell’ironia nell’affrontare l’universo femminile con le sue gioie, ma anche i suoi drammi come ad esempio la scoperta di un cancro al seno mentre si programma un intervento di chirurgia estetica.
Magari non saremo chic e vip come Carry, Samantha, Miranda e Charlotte e non parleremo di infuocate notti d’amore, ma una chiacchierata con un’amica di notte quando tutti dormono oppure uno scambio di battute, la mattina alle 8,20 sul pianerottolo di casa dopo aver sgridato con veemenza la prole che ti fa fare sempre ritardo sul lavoro, aiutano ad assolversi ed è questa la potente vitamina che ti somministra la sorellanza.

 

Articolo di Alice Vernaghi

Lh5VNEop (1)Docente di Lettere presso il Liceo Artistico Callisto Piazza di Lodi. Si occupata di storia di genere fin dagli studi universitari presso l’Università degli Studi di Pavia. Ha pubblicato il volume La condizione femminile e minorile nel Lodigiano durante il XX secolo e vari articoli su riviste specializzate.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...