Spaghettini colorati al pesce

È una ricetta versatile, che può richiedere pochi minuti di tempo oppure impegnarvi maggiormente se decideste di realizzare con le vostre mani gli spaghetti neri a casa. Trovo interessante l’armonia di sapori e, non meno importante, quella di colori, che viene a crearsi tra il pesce, le verdure e gli agrumi. Una sinfonia che potrete di volta in volta modificare appena personalizzandola attraverso la scelta degli ingredienti di base (pasta/pesce).

Vi racconto adesso la piccola storia delle carote, quelle arancioni che conosciamo oggi…
Sapevate che in origine le carote erano viola, come ci riportano testimonianze dell’antico Egitto, ma anche notizie dall’Iran, dall’Afghanistan e Pakistan del X secolo? In Europa nel XIV secolo si importavano carote gialle, bianche e viola, e perfino nere, rosse e verdi. Le carote furono “geneticamente” modificate nel 1720 dagli Olandesi per celebrare la casa regnante, gli Orange. La trasformazione ovviamente non avvenne in laboratorio ma nei campi, per selezione successiva, partendo da un seme di carota proveniente dall’Africa del Nord. Il programma di recupero della carota viola è recente: le carote viola forniscono minor quantità di beta carotene, dunque non aiutano a prolungare l’abbronzatura, ma sono ricche di antiossidanti, proteggono la circolazione del sangue e sono portentose contro i radicali liberi (non la forza politica, ma i responsabili dell’invecchiamento!).

Vi suggerisco oggi alcune idee per un primo piatto sano e gustoso che sappia armonizzare il sapore e l’aroma di pesci economici e facilmente reperibili, specialmente nella versione conservata, alla freschezza del limone e delle verdure.
È un piatto che potrete realizzare in tanti modi diversi, utilizzando di volta in volta sia i filetti di sgombro che le sarde (in scatola o appena pescati) e a seconda che vogliate usare spaghetti neri industriali (al nero di seppia), o spaghettini di riso (o di soia) da insaporire e colorare con un pesto di carote viola.
Potete perfino però, se siete in vena di dedicarvi un po’ al benessere, ricavare spaghetti interamente vegetali tagliando le carote “a spaghetti” con il tagliaverdure apposito, oppure ancora, se avete tempo e voglia, preparare la pasta in casa aggiungendo alla farina la polpa frullata delle carote viola precedentemente lessate.
In ogni caso il risultato sarà gustosissimo, e soprattutto sano e bello da vedere.

VERSIONE CON SPAGHETTI AL NERO DI SEPPIA
Squisiti e velocissimi da preparare.

Ingredienti per 2 persone 
75 gr di spaghettini al nero di seppia
75 gr di spaghettini di semola di grano duro
1 scatola di filetti di sgombro, o uno sgombro fresco (vanno bene anche le sardine, in scatola o fresche)
Mezza arancia
Mezzo limone
Un peperoncino rosso fresco
1 confezione di rucola già lavata
Olio extra vergine di oliva

Scolate il pesce se avete scelto quello in scatola, o arrostite in un altro padellino quello fresco. In questo caso, private il pesce della pelle e delle lische mentre è ancora caldo, riducendolo in filetti. Spremete la mezza arancia e il mezzo limone e tenete da parte. Tagliate a rondelle il peperoncino e scaldatelo in padella con l’olio. Aggiungete il pesce e fatelo insaporire. Cuocete i tagliolini in acqua, scolateli e versateli nella padella con il pesce, aggiungendo subito dopo la rucola e il succo degli agrumi. Mescolate bene e spegnete il fuoco.

VERSIONE CON SPAGHETTI DI RISO O DI SOIA E PESTO DI CAROTE VIOLA
Ingredienti per 2 persone  
150 gr di spaghetti di riso
3 o 4 belle carote viola
1 scatola di filetti di sgombro, o uno sgombro fresco (vanno bene anche le sardine, in scatola o fresche)
1 scalogno
Alcune mandorle pelate
Mezza arancia
Mezzo limone
Un peperoncino rosso fresco
1 confezione di rucola già lavata
Olio extra vergine di oliva
sale, pepe

Rosolate lo scalogno insieme alle carote tagliate a fettine, aggiungete un dito di acqua e fate cuocere coperto circa 20 minuti. Frullate il tutto insieme ad alcune mandorle pelate, aggiustando di sale e pepe.
Con questo pesto condite gli spaghettini di riso.
Rosolate il pesce con olio e rondelle di peperoncino, aggiungete quindi nel tegame gli spaghettini conditi, il succo degli agrumi e infine la rucola per pochi secondi, giusto il tempo che appassisca appena appena.
Servite immediatamente.

 

Articolo di Maria Pia Strano

UgWD4QnKNata nel 1954 in Sicilia, trapiantata suo malgrado a Roma nel 1963. Ha lavorato come Insegnante nella Scuola Primaria. Laureata in Psicologia, Mediatrice Familiare e Counselor. Da anni si occupa della violenza psicologica all’interno della coppia organizzando seminari e conferenze in collaborazione con criminologi/ghe e avvocati/e sensibili al problema.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...