Fisarmonica di melanzane

Quando il pomodoro… diventa un peccato capitale.

Un suggerimento per presentare elegantemente le melanzane se non avete voglia di preparare una parmigiana visto il caldochefa… 😉

Qualunque tipo di pomodoro andrà bene, dai ciliegini a quelli rossi da sugo, e perfino quelli da insalata rimasti nel frigo, ma ricordate vi prego di salare sempre le fette prima di sistemarle nella melanzana: una spolverata di sale ne esalta il gusto, mentre il pomodoro privo sale è (per me) un’eresia, ed è un vero e proprio peccato perdere per disattenzione una parte del piacere che il cibo riesce a dare.

Quando mi capita di assaggiare tramezzini o panini da buffet con farcitura al pomodoro NON precedentemente salato, capisco che chi li ha preparati non sente la giusta responsabilità verso le persone cui dovrebbe dedicare le proprie cure, che sia un semplice avventore da pausa pranzo o un invitato alla propria tavola. 

Sono convinta che quando una persona si nutre con qualcosa preparato dalle nostre mani, compie verso di noi un vero e proprio atto di fiducia che non è giusto ricambiare con la benché minima trascuratezza. È una considerazione, la mia, che può forse essere giudicata eccessiva, ma è esattamente quello che “sento” addentando l’incolpevole fetta di pomodoro… è più forte di me, forse perché aborrisco la trascuratezza e la sciatteria sopra ogni cosa. E così cambio bar. 

Per la fisarmonica servono due belle melanzane tagliate a fette spesse circa un centimetro e mezzo, facendo bene attenzione a non staccare completamente le fette nella parte inferiore.  Vi serviranno poi dei pomodori, di qualunque tipo, del basilico e dell’origano, e del formaggio saporito, che magari avete in frigo da un po’ e non sapete come utilizzare. Aprite delicatamente le fette delle melanzane e cospargetele di sale. Lasciatele così almeno mezz’ora, di modo che perdano un po’ di acqua amara.

Intanto tagliate a fette spesse i pomodori che avete scelto (solo a metà invece se si tratta di ciliegini). Salateli e conditeli con un filo di olio. Tagliate a fette (spesse circa 2/3 mm) del provolone (o del caciocavallo). 

Infilare tra ogni fetta di melanzana una fettina di formaggio e un paio di fette di pomodoro (o almeno 4 metà se pomodorini), insieme a qualche foglia di basilico. 
Sistemate in una teglia oliata le melanzane, cospargetele ancora di basilico e origano e irroratele con un filo di olio buono.
Infornate a 200° per circa 1 ora.
Gustatele tiepide.

Articolo di Maria Pia Strano

UgWD4QnKNata nel 1954 in Sicilia, trapiantata suo malgrado a Roma nel 1963. Ha lavorato come Insegnante nella Scuola Primaria. Laureata in Psicologia, Mediatrice Familiare e Counselor. Da anni si occupa della violenza psicologica all’interno della coppia organizzando seminari e conferenze in collaborazione con criminologi/ghe e avvocati/e sensibili al problema.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...