L’Arte urbana come riscatto sociale. La galleria a cielo aperto nella favela brasiliana

Nel 1997 un gruppo di giovani artisti e artiste dell’estrema periferia di San Paolo in Brasile si riunisce in un collettivo chiamato Grupo Opni, con l’ideale comune di dare voce agli “invisibili” attraverso l’arte. L’utopia diventa realtà e circa dieci anni dopo nasce il progetto Favela Galeria (Galleria Favela): iniziativa in cui l’arte urbana è utilizzata come forma di protesta, come gesto rivoluzionario che va oltre il concetto di arte per l’arte. 

favelagaleria_logo
Favela Galeria (logo), foto di Irene Latini
Favela galeria
Favela Galeria, foto di Irene Latini

È così che la favela di Vila Flavia inizia a prendere colore, grazie agli interventi del Grupo Opni e di artiste e artisti da loro invitati. 

La favela di Vila Flavia_vista dall'alto
La favela di Vila Flavia vista dall’alto, foto di Irene Latini
baracca in legno (sinistra) e baracche in mattoni (destra)
Baracca in legno (sinistra) e baracche in mattoni (destra), foto di Irene Latini

«C’è una selezione precedente degli artisti, una vera e propria curatela» racconta Anselmo, direttore del progetto. «Col fatto che il Grupo Opni è cresciuto qui, si è instaurata una buona relazione con gli abitanti e quindi è più facile parlare con loro. Se non avessimo avuto questo legame positivo nessuno sarebbe stato qui col cellulare o con la macchinetta fotografica. C’è sempre un dialogo preventivo sul tipo di disegno che verrà realizzato. La casa appartiene a qualcuno che sta cedendo il suo spazio e, dunque, bisogna averne rispetto.»

murales su favela
Murales su favela, foto di Irene Latini
murale per marielle franco
Murale per Marielle Franco, foto di Irene Latini

Nel 2008 il collettivo fonda la Ong “São Mateus in movimento”, che realizza laboratori gratuiti per la popolazione e nel 2014 merita il premio “Territori culturali” assegnato dal governo di San Paolo, il quale ne riconosce le iniziative artistiche che si distinguono per il lavoro sociale sul territorio.  Un anno prima il progetto era già riuscito a richiamare l’attenzione del municipio sullo stato di un ruscello contaminato dalle acque reflue. «Il corso d’acqua è otturato dallo scarico della fogna e l’acqua non viene pulita.» spiega Kari, una delle artiste del collettivo.

Kari, artista del collettivo Groupo Opni
Kari, artista del collettivo Groupo Opni

«Il nostro quartiere ha più di settant’anni e questo sistema fognario è stato realizzato solo sei anni fa. Se adesso la situazione non è buona, prima era certamente peggiore. Solo grazie agli interventi artistici siamo riusciti a farci ascoltare dal governo: è ciò che significa per noi migliorare la qualità della vita attraverso l’arte e questo è l’obiettivo principale di Favela Galeria». 

 

8_il ruscello contaminato dalle acque reflue_foto irene latini
Il ruscello contaminato dalle acque reflue, foto 1 di Irene Latini

 

il ruscello contaminato dalle acque reflue2_foto irene latini
Il ruscello contaminato dalle acque reflue, foto 2 di Irene Latini

La mancanza di adeguati impianti di smaltimento idrico non è una novità in Brasile, secondo l’Agenzia Nazionale delle Acque (Ana) l’80% delle città brasiliane non dispone di un adeguato sistema di raccolta delle acque reflue che vengono scaricate direttamente nei fiumi. Questa condizione è la principale forma di inquinamento idrico del Paese. Anche l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) segnala la presenza di acque contaminate come una delle le principali cause di morte di un/a bambino/a su quattro al di sotto dei cinque anni d’età. Gli interventi artistici nella Favela aspirano anche a muoversi contro il razzismo e i pregiudizi. «Caratteristica del Grupo Opni è l’essere costituito da artisti neri che dipingono persone nere». 

10_murale bambino_foto irene latini
Bambino (murale), foto di Irene Latini
11_Murale di Rafael Sliks con abitanti di Vila Flavia_foto Livia Fabiani
Murale di Rafael Sliks con abitanti di Vila Flavia, foto Livia Fabiani

Il progetto è la dimostrazione che, grazie alla creatività, un luogo come la favela può andare oltre la violenza ed il pericolo.

12_bambino senza titolo_foto irene latini
Bambino, foto di Irene Latini

 

Articolo di Livia Fabiani

dzb-yU3KLivia Fabiani vive a Roma, dove intraprende gli studi di Architettura alla facoltà di Roma Tre. La sua passione per l’arte, il territorio e la fotografia trovano sintesi ideale nella Street Art. Nel 2013 sviluppa il progetto “Urbis Ars” (Arte della Città) da cui diffonde le proprie fotografie, espressione di un’arte che, per la sua peculiarità, è destinata a vita breve.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...