Il primato di Angela Maria

Angela Maria Guidi Cingolani è stata la prima donna a ricoprire la carica di Sottosegretaria in un Ministero della Repubblica Italiana ma vanta altri due primati: fu, nel 1919, la prima tesserata femminile del Partito Popolare Italiano e la prima donna a parlare nell’aula di Montecitorio.

Era nata a Roma il 31.10.1896 da Eugenio e Anna Casini. Entrambi i genitori appartenevano a famiglie della borghesia cattolica romana.

Decisivo nella sua formazione fu l’incontro con don Luigi Sturzo, che le affidò l’incarico di organizzare il lavoro femminile in seno all’”Opera per l’assistenza civile e religiosa per gli orfani di guerra”, da lui fondata. Fu, inoltre  tra le prime giovani cattoliche a partecipare al “Movimento Nazionale Pro Suffragio Femminile”.

Nell’immediato dopoguerra ricevette il diploma di benemerenza del Ministero delle Terre liberate per aver contribuito alla fondazione di cooperative di lavoratrici, in particolare nel Veneto. Si può considerare una pioniera dell’organizzazione sindacale femminile.

Nel 1921 fondò il Comitato Nazionale  per il lavoro e la cooperazione femminile, legato all’Azione cattolica. In questa veste raccolse le adesioni di più di cinquecento scuole di avviamento al lavoro, laboratori e cooperative.
In particolar modo si occupò delle scuole di lavoro femminile per le orfane di guerra, della Federazione delle lavoratrici dell’ago e della cooperazione femminile di lavoro a Caserta e nel Veneto ed ebbe l’incarico di fondare cooperative di produzione e di lavoro nel Friuli Venezia Giulia. Del Comitato Nazionale rimase segretaria generale fino alla liquidazione, avvenuta nel 1926.

Nel 1929 Angela fu tra le fondatrici dell’Associazione nazionale delle donne professioniste ed  artiste ma quando quest’associazione venne assorbita dalle organizzazioni fasciste che imponevano l’obbligo di tessera, lei si defilò.

Nel 1931 si trasferì, per un anno, a Ginevra in qualità di osservatrice dell’Ufficio Internazionale del lavoro. Rientrata in Italia si occupò delle lavoratrici impegnate nella produzione cinematografica a Cinecittà, dalle comparse alle operaie.

Svolse anche un’intensa attività giornalistica e collaborò con il “Corriere d’Italia”, “Il Popolo”, “Avvenire d’Italia”, con il settimanale “L’Ago”, la rivista ”Il Solco” e vari altri periodici. A volte si firmava con lo pseudonimo di Maria Guy.

Dal 1924 al 1925 assunse la direzione del settimanale “Il Lavoro femminile”.

Negli stessi anni profuse il suo impegno nell’ ambito sindacale  evidenziando la necessità di regolamentazione sia dell’artigianato che del lavoro a domicilio.

Quando vinse il concorso all’Ispettorato del lavoro di Roma riprese l’opera di assistenza alle mondine, alle tabacchine, alle operaie delle aziende tessili e a quelle impegnate nel settore ortofrutticolo. 

A trentanove anni sposò Mario Cingolani, parlamentare popolare, autorevole esponente dell’Azione cattolica e figura di spicco della futura Democrazia Cristiana. Insieme al marito Angela Maria fu punto di riferimento per gli antifascisti cattolici romani. I due coniugi parteciparono all’attività di direzione clandestina del Partito Popolare, ospitando nella loro casa il Comitato di liberazione nazionale e organizzando aiuti per perseguitati e fuggiaschi. Nella fase di ricostruzione del partito, lei fu incaricata di seguire la sezione femminile. In questo periodo riprese anche gli studi, iscrivendosi all’Istituto orientale di Napoli e laureandosi in Lingue e letterature slave.

Documento autografo

Non cessò mai di interessarsi al lavoro femminile. Nel 1946 fu una delle 21 donne elette alla Costituente, nella lista della Democrazia Cristiana con 18.165 voti di preferenza. Sostenne fermamente la necessità che l’associazione femminile rimanesse autonoma nell’ambito del partito.

Fu eletta deputata per la DC nel 1948; dal luglio 1951 al luglio 1953, nel Governo De Gasperi, fu Sottosegretaria per l’Artigianato nel Ministero dell’Industria e del Commercio, divenendo così la prima donna in Italia  a ricoprire tale carica. In questo ruolo si dedicò in particolar modo all’artigianato ed alla cooperazione, convinta che la piccola impresa costituisse una grande ricchezza per la nazione ed ottenne per la categoria una legislazione migliore con sostegni creditizi.

Ulteriore primato di Angela: fu la prima donna a parlare nell’aula di Montecitorio. Queste le sue parole: «…Vi invitiamo a considerarci non come rappresentanti del solito sesso debole e gentile, oggetto di formali galanterie e di cavalleria di altri tempi ma pregandovi di valutarci come espressione rappresentativa di quella metà del popolo italiano che… con voi lotta per una democrazia che sia libertà politica, giustizia sociale ed elevazione morale».

Nel 1952 Angela Maria, eletta sindaca di Palestrina, abbandonò l’impegno politico nazionale per dedicarsi all’amministrazione del comune laziale. Ne avviò il rinnovamento, valorizzando i beni archeologici e attirando l’attenzione nazionale sulla vita culturale della città.

A partire dagli anni Settanta un forte abbassamento della vista condizionò la sua attività. 
Nel 1986 ricevette una medaglia d’oro al merito per la sua attività politica.
Angela Maria Guidi Cingolani morì a Roma l’11 luglio 1991.

A lei è intitolata una via a Porto Fuori, una frazione della provincia di Ravenna.

***

Articolo di Ester Rizzo

Laureata in Giurisprudenza e specializzata presso l’Istituto Superiore di Giornalismo di Palermo, è docente al CUSCA (Centro Universitario Socio Culturale Adulti) di Licata per il corso di Letteratura al femminile. Collabora con testate on line, tra cui Malgradotutto e Dol’s. Per Navarra edit. ha curato il volume Le Mille: i primati delle donne ed è autrice di Camicette bianche. Oltre l’otto marzoLe Ricamatrici e Donne disobbedienti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...