Il mio cenone

Sformatini di patate farciti 

Da proporre come antipasto, o con l’aperitivo, gli sformatini di patate sono perfetti per il cenone della Vigilia, e il loro aspetto insolito rallegrerà la tavola. 

Gli ingredienti per circa 16 sformatini: 

  • 1 kg. di patate 
  • 20 (circa) pomodorini ciliegia o datterini 
  • 1 manciata di olive nere snocciolate 
  • 1 cucchiaio di capperi 
  • 1 acciuga sotto sale (o 2 filetti sott’olio) 
  • 1 spicchio d’aglio 
  • Olio evo 
  • 1 stampo monoporzioni per piccoli muffin (meglio se in silicone) 

Tempo di preparazione: 1 ora circa 
Tempo di cottura: 20 minuti 

Sformatini di patate

Sciacquate accuratamente le patate e fatele lessare, intere e con la buccia, in acqua leggermente salata. 
Lavate i pomodorini, tagliatene la metà a pezzettini. 
Pulite e dissalate l’acciuga, se usate quella sotto sale. 
In un tegamino versate tre o quattro cucchiai di olio e.v.o., aggiungete i filetti di acciuga e uno spicchio d’aglio, quindi accendete il fuoco, molto dolce, e rimescolando continuamente fate sciogliere l’acciuga. 
Unite i pomodorini tagliati, fateli cuocere qualche minuto, infine aggiungete i capperi, le olive, amalgamate tutto molto bene, e togliete dal fuoco. Eliminate l’aglio. 
Sbucciate le patate, passatele allo schiacciapatate, conditele con qualche cucchiaio di olio e.v.o. e rimescolate bene, di modo da ottenere una crema.
Accendete il forno a 180°. 
Versate un primo strato di crema di patate negli stampi da muffin, coprite con un cucchiaio di intingolo, coprite con altra crema di patate, e proseguite fino a esaurimento degli ingredienti. 
Passate in forno caldo per circa 20 minuti, finchè la superficie si presenterà dorata. 
Estraete gli sformatini dal forno e subito, mentre sono ancora caldi, inserite in ognuno un pomodorino, schiacciando leggermente perché affondino un po’ nella crema di patate. 

Gli sformatini di patate farciti sono pronti. Serviteli caldi, non bollenti, e divertitevi davanti allo stupore dei vostri ospiti che, a una prima occhiata, li prenderanno per pasticcini! 

Lasagne al forno con pane carasau 

Se per Natale volete preparare una bella teglia di lasagne, ma non avete tempo di preparare la sfoglia, usate in alternativa il sottilissimo pane carasau: successo assicurato. 

Una preparazione più veloce per un piatto classico, che può essere declinato secondo le diverse esigenze o preferenze.  

Ingredienti per 6 persone 

  • Una confezione da 300 gr. di pane carasau (non servirà tutta, e non è importante che sia rotondo o tagliato diversamente, tanto dovrete spezzarlo) 
  • Del buon ragù di carne, di pesce o salsa di pomodoro 
  • 1 litro di besciamella 
  • 100 gr. di parmigiano reggiano grattugiato 
Lasagne

Preparate la besciamella: sciogliete in una parte del litro di latte due cucchiai di maizena (o altro amido), versate il rimanente latte, un cucchiaino di sale e portare a bollore rimescolando continuamente. Spegnete quando la salsa sarà diventata cremosa. 
Preparate un buon ragù di carne, di pesce (secondo gusto e disponibilità) o una salsa di pomodoro profumata al basilico: con queste opzioni, la ricetta è valida sia per il cenone della Vigilia, per il giorno di Natale, o se ci sono bambini piccoli, che hanno bisogno di una dieta più leggera.  
Accendete il forno a 160°. 
In una teglia rettangolare (35×28 cm. circa) spalmate sul fondo qualche cucchiaio di besciamella, poi coprite con il pane carasau spezzato in modo da coprire tutto lo spazio, in un strato solo. 
Versate sul pane carasau qualche generoso cucchiaio di sugo e di besciamella, come si fa con le lasagne al forno tradizionali. 
Continuate con un altro strato di pane carasau, di sugo e di besciamella, e avanti così fino a esaurire gli ingredienti. 
Terminate con una generosa spolverata di Parmigiano grattugiato. 
Mettete in forno per un’ora circa, controllando ogni tanto. Il piatto è pronto quando la superficie si presenta ben dorata. 
Servite le lasagne al forno con pane carasau ben calde. 

Filetto di branzino con cipollotto di Tropea e aceto balsamico 

Ecco una ricetta molto semplice e veloce da preparare per il cenone della Vigilia di Natale: un piatto un po’ diverso dal solito. 

Ingredienti per 4 persone 

  • 800 grammi di filetti di branzino 
  • 2 grossi cipollotti di Tropea con il gambo 
  • Aceto balsamico tradizionale di Modena IGP 
  • 2 foglie di alloro 
  • Olio e.v.o. 
  • Sale 

Tempo di preparazione: 15 minuti 
Tempo di cottura: 15 minuti 

Sgombro con cipollotti

Sciacquate i filetti di branzino, asciugateli con la carta da cucina ed eliminate le eventuali lische ancora nascoste nella polpa. 
Versate un velo d’olio in una padella, fate scaldare, appoggiate i filetti di pesce in uno strato solo e fateli cuocere non un minuto più del necessario, girandoli una volta sola. 

Se i filetti non stanno tutti nella padella, procedete in più tempi. Tenete il pesce in caldo. 
Sbucciate e lavate i cipollotti, quindi affettateli molto sottili. Conservate lo stelo verde. 
Nella stessa padella dove avete cotto il pesce, versate ancora tre o quattro cucchiai di olio e.v.o., unite la foglia di alloro e i cipollotti affettati, e fateli rosolare a fuoco dolcissimo, così che si ammorbidiscano perfettamente senza bruciare. 
Bagnate con un paio di cucchiai di aceto balsamico, amalgamate bene la salsa e regolate di sale, se necessario. 
Preparate i piatti individuali: appoggiate uno o più filetti di branzino e irrorate con la salsa calda di cipollotti di Tropea e aceto balsamico. 
Decorate il piatto con qualche stelo verde e servite subito. 

Auguro a tutte e a tutti di trascorrere serenamente le prossime feste, con la consapevolezza del privilegio che abbiamo ogni volta che ci sediamo a tavola. Buon Natale! 

***

Articolo di Paola Bortolani

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è v0txabta.jpg

Ex dirigente commerciale, poi libera professionista contabile e amministrativa, ha svolto attività di volontariato culturale. Ha lavorato  in una agenzia di comunicazione, occupandosi di aziende del settore food & beverage. Appassionata di cucina sostenibile, ha scritto articoli e svolto ricerche per testi diversi. Nel 2013 ha aperto il blog Primononsprecare.com, e ha pubblicato l’e-book Il gusto di non sprecare (Indies g&a).

3 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...