Pollo all’uva su porri stufati

Si dice che a Capodanno sia d’obbligo mangiare qualcosa di multiplo, per assicurarsi benessere economico nell’anno che verrà. Non so quanto sia vero, ma questo piatto può mettere d’accordo sia chi apprezzerà il simbolo rappresentato dagli acini d’uva, sia chi semplicemente vorrà gustare qualcosa di buono.

Gli ingredienti per 4 persone:

  • 2 petti di pollo interi
  • 20 (circa) acini d’uva
  • 3 porri
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 foglia di alloro
  • farina
  • olio evo
  • sale, pepe

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

Con un buon coltello, tagliate i petti di pollo a spezzatino, eliminando ossa e cartilagini. Spolverate abbondantemente di farina e mescolate, meglio se con le mani, per distribuirla bene.
In un’ampia padella scaldate l’olio, aggiungete il rametto di rosmarino, versate la carne e fate prima rosolare in modo uniforme, quindi coprite e terminate la cottura.

Pulite i porri scartando solo le barbe e la prima foglia esterna, lavateli molto bene per eliminare tutta la terra e tagliateli a rondelle. Utilizzate anche la parte verde, che è ottima (selezionate solo le parti troppo fibrose, che si possono conservare in freezer e utilizzare per minestroni o soffritti).
Fate stufare i porri in un’altra padella con poco olio, poca acqua, sale e la foglia di alloro. Attenzione che non brucino, devono solo ammorbidirsi.

Nel frattempo che pollo e porri cuociono, con pazienza spellate gli acini d’uva. Fino a questo punto, potete preparare tutto in anticipo.
Al momento di andare in tavola, scaldate sia il pollo che i porri.
Completate il pollo con gli acini d’uva e componete i piatti aggiungendo il contorno di porri.

Servite ben caldo, e sia di buon augurio!

***

Articolo di Paola Bortolani

v0txabTaEx dirigente commerciale, poi libera professionista contabile e amministrativa, ha svolto attività di volontariato culturale. Ha lavorato  in una agenzia di comunicazione, occupandosi di aziende del settore food & beverage. Appassionata di cucina sostenibile, ha scritto articoli e svolto ricerche per testi diversi. Nel 2013 ha aperto il blog Primononsprecare.com, e ha pubblicato l’e-book Il gusto di non sprecare (Indies g&a).

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...