Cavolo nero in padella con uvetta e frutta secca

Il cavolo nero ha un sapore particolare, un po’ amaro, a molte persone piace proprio per questo, ad altre non è pienamente gradito. Eppure è un cibo così salutare! Il cavolo nero, e tutti i cavoli, cavoletti e cavolfiori, non sono solo verdure di stagione, da consumare ora che danno il meglio di sé. Sono tra gli alimenti più ricchi di proprietà antiossidanti, antitumorali e, grazie alla forte presenza di vitamina C, proteggono anche dai malanni da raffreddamento.

Ecco perché propongo questa ricetta, dove il cavolo nero è addolcito e arricchito con uvetta e frutta secca, per diventare un contorno o un secondo piatto durante un pasto leggero.

Ingredienti per quattro persone:

  • 2 mazzi di cavolo nero
  • 2 cucchiai di uvetta
  • 2 cucchiai di nocciole tostate spezzettate
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio e.v.o
  • sale (poco)

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 30 minuti

Lavate molto bene le foglie del cavolo nero ed eliminate, se necessario, le coste centrali troppo fibrose.

Tagliate le foglie a striscioline, trasferitele in una pentola capiente con pochissima acqua e un pizzico di sale e fatele stufare a fuoco dolce, finché anche le nervature centrali saranno tenere.

A parte, scaldate qualche cucchiaio di olio in un tegame, fate soffriggere leggermente lo spicchio d’aglio, quindi aggiungete le foglie del cavolo in modo che si insaporiscano bene, cucinandole molto lentamente.

Dopo qualche minuto aggiungete l’uvetta, le nocciole spezzettate e i pinoli.

Proseguite la cottura per circa dieci minuti: il vostro cavolo nero è pronto.

Servitelo subito, bello caldo e profumato.

***

Articolo di Paola Bortolani

v0txabTaEx dirigente commerciale, poi libera professionista contabile e amministrativa, ha svolto attività di volontariato culturale. Ha lavorato  in una agenzia di comunicazione, occupandosi di aziende del settore food & beverage. Appassionata di cucina sostenibile, ha scritto articoli e svolto ricerche per testi diversi. Nel 2013 ha aperto il blog Primononsprecare.com, e ha pubblicato l’e-book Il gusto di non sprecare (Indies g&a).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...