Insalata con erba cipollina

Tutte le erbe aromatiche hanno un periodo di fioritura: ovviamente i fiori sono edibili, e possiamo usarli per decorare i nostri piatti.

Nel caso dell’erba cipollina, sappiamo che i suoi fiori non solo aggiungono sapore e colore, ma hanno anche proprietà antiossidanti.

L’erba cipollina è una delle piante più facili da coltivare in vaso sul balcone. È una pianta perenne che resiste bene al freddo e alla siccità: la vedrete risvegliarsi dopo l’inverno, o dopo un periodo di trascuratezza. Ama il sole, ma cresce bene anche in mezz’ombra. In estate preferisce innaffiature più abbondanti, mentre in inverno si può tenere in casa, lontano dalle fonti di calore, per avere sempre a disposizione i suoi steli profumati.

Erba cipollina fiorita

Prepariamo una fresca insalata, gradevole per il palato e per gli occhi.

Gli ingredienti per 3 – 4 persone:

1 mazzo di radicchio fresco
10 pomodorini ciliegia o datterini
1 mozzarella di qualità (fiordilatte o bufala)
1 piccola manciata di steli di erba cipollina, alcuni fioriti

La preparazione è facilmente intuibile.

Lavate accuratamente le verdure, radicchio, pomodori ed erba cipollina.
Con il coltello di ceramica riducete le foglie del radicchio, tagliate i pomodori a metà, tagliate in piccole porzioni gli steli di erba cipollina, salvaguardando i fiori.
Tagliate a bocconcini la mozzarella.
Mettete tutti gli ingredienti, escluso i fiori, in una ciotola, conditeli con un paio di giri di olio e.v.o., e completate con i fiori.
Se la mozzarella fosse molto morbida e acquosa, servitela a parte.

Ecco come un piatto semplicissimo può acquistare un aspetto nuovo e attraente.

***

Articolo di Paola Bortolani

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è v0txabta.jpg

Ex dirigente commerciale, poi libera professionista contabile e amministrativa, ha svolto attività di volontariato culturale. Ha lavorato  in una agenzia di comunicazione, occupandosi di aziende del settore food & beverage. Appassionata di cucina sostenibile, ha scritto articoli e svolto ricerche per testi diversi. Nel 2013 ha aperto il blog Primononsprecare.com, e ha pubblicato l’e-book Il gusto di non sprecare (Indies g&a).

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...