Pasta con crema di peperoni

Siamo in estate, la stagione delle verdure più colorate e saporite.
È in questa stagione che possiamo fare scorta di vitamine e sali minerali, di gusto e leggerezza, scorta facilitata dal fatto che tanti piatti si possono consumare sia caldi che freddi, e che spesso conservarli li rende ancora più gustosi.
Una bella peperonata dai colori squillanti è sempre molto invitante, e si può proporre anche come secondo piatto, non solo come contorno.
Chi la trova un pochino indigesta, può provare a prepararla con i peperoni ai quali, prima, avrà tolto la sottile pellicina: lavoro ingrato ma efficace.
Che facciamo, però, se ne avanza una modesta quantità, non sufficiente per un secondo “giro” in tavola? Possiamo trasformarla in una appetitosa crema, e con questa condire una pasta!

Ingredienti per quattro persone:

• 1 porzione di peperonata
• 1 formaggino Philadelphia da 80 grammi
• Granella di pistacchio
• 320 grammi di pasta corta (mezze penne, trofie …)

Tempo di preparazione: il tempo necessario per la cottura della pasta

Mettete a scaldare l’acqua per cuocere la pasta.
Frullate la peperonata avanzata e trasformatela in una crema omogenea.
Scaldatela e, appena accenna a bollire, unite il formaggino Philadelphia e amalgamatelo bene, di modo che si sciolga perfettamente. La crema di peperoni è pronta, lasciatela intiepidire.
Scolate la pasta, conditela con la crema e, se gradita, aggiungete un tocco croccante con la granella di pistacchio.

Servite subito, senza fretta perché è ottima sia calda che fredda. 

Si tratta infatti di un piatto che può essere preparato tranquillamente in anticipo, senza che perda le sue caratteristiche e la sua bontà.

Non sprecare!

I miei suggerimenti gastronomici non vogliono limitarsi a suggerire qualche idea qua e là per non sprecare il cibo, argomento ormai molto discusso e di grande importanza. Cerco di fornire idee semplici, ma concrete, per gestire gli avanzi, e gli scarti, facendoli uscire dalla loro tradizionale posizione di triste alimento da guardare con poco entusiasmo, a protagonisti di piatti nuovi, appetitosi, ricchi di sapore. 

Come questa crema di peperoni, alla quale potete portare alcune varianti, secondo il vostro gusto e la disponibilità della vostra cucina:• potete usarla per mantecare un risotto
• al posto del Philadelphia, va benissimo qualunque formaggio dolce e spalmabile, come la robiola
• la granella di pistacchio non è obbligatoria, anche se secondo me “ci sta”, ma altrettanto buone sono le mandorle o le nocciole, tritate grossolanamente.

***

Articolo di Paola Bortolani

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è v0txabta.jpg

Ex dirigente commerciale, poi libera professionista contabile e amministrativa, ha svolto attività di volontariato culturale. Ha lavorato  in una agenzia di comunicazione, occupandosi di aziende del settore food & beverage. Appassionata di cucina sostenibile, ha scritto articoli e svolto ricerche per testi diversi. Nel 2013 ha aperto il blog Primononsprecare.com, e ha pubblicato l’e-book Il gusto di non sprecare (Indies g&a).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...